4.23

Sezione 4: Sviluppatori

Q 4.23: Qual è la storia dietro a XML e EDI?

Ci stiamo arrivando: c’è ancora bisogno di lavoro e accordi.

 

L’intercambio di Dati Elettronici (EDI) è stato usato nell’e-commerce per molti anni per lo scambio di documenti fra soci commerciali in una transazione. Richiede uno speciale software proprietario ed è estremamente costoso da implementare per imprese di media o piccola taglia. Ci sono modi di abilitare l’EDI di documenti per viaggiare su XML, così come proposte per sostituire i formati EDI esistenti con formati XML. Ci sono linee guide su http://www.eccnet.com/xmledi/guidelines-styled.xml e http://www.geocities.com/WallStreet/Floor/5815/guide.htm.

Probabilmente il più grande effetto di EDI è l’ascesa dei tentativi di standardizzazione per documenti aziendali XML e transazioni. Questo standard sponsorizzato insieme da OASIS e United Nations/CEFACT è ebXML (Electronic Business XML) che fornisce Schemi per tipi di documento di transazione commerciale comuni. I normali documenti d’ufficio (lettere, report, fogli di calcolo, ecc) sono già stati creati usando il materiale sotto il comando di OASIS  OASIS Open Office XML Formats TC, spiegato sopra. Altri standard come OAGI e RosettaNet stanno passando una fase di test per l’interoperabilità con ebXML.

In aggiunta agli standard completi, ci sono molti gruppi di spessori, strumenti di interoperabilità, e librerie componenti come XML Common Business Library (xCBL).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *