Conoscere meglio il tuo computer (pt 1)

Lavorare con le finestre

di Alan Zisman (c) 2017

email: [email protected]

Original source: http://zisman.ca/filemanagement

Sommario:

·         5 Cose

·         Le finestre (non necessariamente Windows)

·         Lavorare con le finestre – i 3 tasti

·         Spostare e ridimensionare le finestre

·         Schede

·         Tre tipi di click

·         Alcune parole standard

·         Tipi di programma

·         Dà un’occhiata alle finestre di programma

·         Box di dialogo

·         Usare gli appunti

·         Prossimamente…

Questa è la prima di un’introduzione a due parti su come lavorare con finestre, file, cartelle e periferiche su computer laptop e desktop. Accompagna una serie di laboratori tenuti alla Brock House di Vancouver. Puoi trovare la 2° Parte qui.

I computer laptop e desktop moderni usano tutti una ’interfaccia utente’ simile – il modo in cui il computer mostra informazioni all’utente e il modo in cui l’utente interagisce con il computer. Che tu stia usando qualche versione di Windows, un Mac, o un’altra alternativa, stai lavorando con idee che sono state rese famose a metà degli anni ’80 e venivano chiamate interfacce ‘WIMP’: che usano finestre, icone, menu, e puntatori (un mouse o trackpad).

Gli smartphone e i tablet non usano questo stile di interfaccia – ma ciò che faremo oggi ti aiuterà a sentirti più a tuo agio con il tuo computer laptop o desktop. Useremo Windows 10 nelle nostre immagini – ma ogni cosa di cui discuteremo può essere applicata ad altre versioni di Windows, Mac, ecc. – verranno evidenziate le differenze per gli utenti Mac.

Finestre (e non necessariamente solo Windows)

Tutti i computer –  fra cui i dispositivi mobili come smartphone e tablet che sono in pratica computer estremamente portatili – usano software chiamati ‘sistemi operativi’ (abbreviato in ‘OS’) che è un software basilare che dice all’hardware del computer come funzionare: come interagire con l’utente, con la vasta gamma di altri programmi, e con hardware come stampanti, tastiere, e altro. I desktop e laptop Apple Macintosh utilizzano un sistema operativo chiamato iOS. La maggior parte degli altri telefoni e tablet (Samsung, LG, Motorola, e molti altri marchi) usano un sistema operativo chiamato Android. E la maggior parte dei computer laptop e desktop (con marchi come Dell, HP, Lenovo, Toshiba, Acer, ASUS e moltissimi altri) usano generalmente una qualche versione di Microsoft Windows. Sia Windows che Mac OS Apple mostrano agli utenti informazioni sullo schermo in un rettangolo chiamato finestra.

Puoi avere una singola finestra che occupa l’intera schermata – in tal caso, la finestra viene detta ‘massimizzata’.

Potresti avere più di una finestra aperta contemporaneamente, ognuna delle quali occupa parte dello schermo; le finestre possono coprire parzialmente altre finestre – come mostrato nell’immagine (su un computer con Windows 10):

Solo una finestra alla volta è ‘attiva’ – se scrivi qualcosa, le lettere che digiti appaiono nella finestra attiva, non in quella in esecuzione in background. Il puntatore del mouse o del trackpad, tuttavia, può muoversi fuori dalla finestra attiva. Se clicchi in un qualsiasi punto su un’altra finestra, il tuo computer rende tale finestra ‘attiva’ – e la mostra in primo piano. Ora, qualsiasi cosa digiterai apparirà in tale finestra. (Un alternativa per cambiare finestra attiva è tenere premuto il tasto alt sulla tua tastiera e premere il tasto tab – gli utenti Mac usano il tasto command insieme al tasto tab. Questo permette di muoversi fra i programmi aperti).

Nella parte bassa dello schermo, c’è una fila di icone colorate – alcune di queste sono sempre presenti, un modo conveniente per aprire programmi usati di frequente (chiamati anche applicazioni o app). Qualsiasi programma in esecuzione – che sia aperto tramite click sull’icona qui in basso o no – apparirà qui in basso. Su un computer con Windows 10, i due programmi in esecuzione sono indicati da linee sotto le loro icone. (Il Mac ha una fila di icone simile in basso allo schermo –  indica le icone di programmi in esecuzione con un piccolo triangolo sotto l’icona). (Alcune persone spostano la fila di icone sul lato destro o sinistro – e possono aver configurato il proprio computer in modo che le icone vengano nascoste, eccetto quando il puntatore del mouse si trova in basso o al lato).

I 3 tasti: Nella parte superiore di ogni finestra di programma si trova la ‘barra del titolo’ che può includere alcune informazioni sul programma. Nei computer Windows, la barra del titolo della finestra del programma ‘attivo’ potrebbe essere colorata, mentre quella in background non lo è (come nell’esempio sopra mostrato). Nell’angolo in alto a destra della barra del titolo di Windows, vedrai tre piccole icone; su un Mac, vedrai tre tasti ‘a semaforo’ nell’angolo superiore sinistro:

Tasti Windows: riduci a icona, ingrandisci, chiudi
Tasti Mac: chiudi, riduci a icona, ingrandisci

Cliccare il tasto ‘ riduci a icona’ farà sparire il programma dallo schermo, riducendolo alla sua icona in basso allo schermo. Il programma è, comunque, ancora in esecuzione – ad esempio, il tuo programma email ridotto a icona continua a ricevere messaggi. E i programmi ridotti a icona continueranno ad consumare la carica della batteria del tuo laptop.

Cliccare il tasto ‘ingrandisci’ aumenta le dimensioni della finestra del programma per riempire interamente lo schermo (eccetto la fila di icone). Coprirà tutte le altre finestre – ma saranno ancora in esecuzione anche se nascoste.

Cliccare il tasto ‘chiudi’ chiuderà la finestra del programma. Se hai un documento non salvato, ti verrà chiesto se vuoi salvare. (Una differenza fra Windows e Mac – solitamente, cliccando il tasto chiudi un programma su Windows verrà chiuso. Su un Mac, chiuderà la finestra del programma, ma spesso il programma sarà ancora in esecuzione – rendendo una successiva apertura più veloce, ma utilizzando anche memoria del computer. Questo confonde molti utenti Mac!)

Su un computer Windows, quando una finestra è massimizzata, il tasto centrale cambia – invece di un semplice tasto con un quadrato ingrandito, vedrai un’icona con due quadrati che si intersecano – cliccando su ‘ripristina’ la finestra non coprirà più l’intero schermo. Al contrario, ora occuperà solo parte dello schermo, così che tu possa avere due (o più) finestre una sopra l’altra – come nell’immagine mostrata in precedenza.

Su un computer Windows, se punti il mouse su uno di questi tasti (senza cliccare), dopo qualche secondo apparirà il nome del tasto.

Quando una finestra di programma viene ridotta a icona, cliccare sull’icona (in basso) la ripristina alle dimensioni originali prima di essere ridotta.

Spostare e ridimensionare le finestre: quando una finestra di programma è aperta e non massimizzata – ovvero non copre l’intero schermo, puoi cambiare la sua dimensione e spostarla sullo schermo. Questa non è una cosa da poco – potresti voler regolare la dimensione della finestra e la sua posizione in modo da vedere cosa succede in altre finestre di programma nello stesso momento. O spostare file da una posizione ad un’altra (leggi di più nella 2° Parte). O semplicemente guardare un video su YouTube in una piccola finestra mentre svolgi del lavoro in un’altra parte dello schermo.

Puoi spostare una finestra sullo schermo puntando il puntatore del mouse in un punto della barra del titolo lungo la parte superiore (ma non sui tre piccoli tasti all’angolo!) tenendo premuto il tasto sinistro e trascinandola – la finestra seguirà il puntatore del mouse finché non rilasci il tasto del mouse. (Sul trackpad di un laptop, uso entrambi gli indici – uno per tenere premuto il tasto del trackpad, e l’altro per muovere il puntatore).

Windows 7, 8 e 10 hanno una funzione chiamata snap – se muovi una finestra sul bordo sinistro o destro dello schermo, questa si attaccherà al bordo. Trascinarla verso la parte superiore dello schermo massimizzerà la finestra. O trascinare una barra del titolo su qualsiasi dei quattro angoli farà attaccare la finestra a tale angolo. (Reale implementazione variabile a seconda della versione di Windows). Ad alcune persone piace questa funzione – io la trovo fastidiosa e la disattivo.

Per ridimensionare una finestra, muovi il puntatore del mouse sull’angolo in basso a destra della finestra. Ancora una volta, tieni premuto il tasto sinistro del mouse e trascina. I bordi della finestra si muoveranno insieme al puntatore del mouse, rendendo la finestra più grande o più piccola. I contenuti di questa finestra potrebbero riordinarsi da soli per adattarsi alla finestra ridimensionata – o potrebbero essere nascosti.

Schede: alcuni programmi offrono schede – un modo per caricare pagine multiple in una singola finestra e passare dall’una all’altra cliccando sulla scheda. I browser Web come Google Chrome e Mozilla Firefox includono schede (vedi Chrome nell’immagine sopra) lasciandoti caricare pagine web multiple; i programmi di fogli di lavoro come Microsoft Excel possono avere fogli multipli su schede differenti. Il File Explorer di Windows 10 lascia caricare schede all’utente per vedere i contenuti delle varie periferiche o cartelle tutti insieme.

Tre tipi di click: Hai un mouse o un trackpad su laptop. La maggior parte dei mouse/trackpad su computer Windows hanno due tasti – la maggior parte dei mouse/trackpad Mac hanno solo un tasto. Il tasto(i) può essere nascosto – comunque sia, se clicchi dove pensi che possa esserci un tasto, dovresti vedere che funziona! Ci sono tre modi comuni di cliccare.

  • Click singolo – cliccare una volta sola (con il tasto sinistro) su un tasto come quello per ridurre a icona/ingrandire/ecc. fa compiere l’azione a questo tasto. Molti programmi hanno barre degli strumenti o file di tasti – un singolo click su uno di questi tasti lo fa funzionare. Ma cliccare una volta sola su un’icona (sul Desktop o altra posizione) potrebbe non avere alcun effetto. Infatti, si sta ‘selezionando’ questo oggetto in modo da poterci fare qualcosa. Puoi, per esempio, cliccare su un icona e (tenendo premuto il tasto), trascinarla in un’altra posizione. La maggior parte delle volte, su una pagina web, si clicca una volta sola. I singoli click su un link, per esempio, aprono nuove pagine. Nel Menu Start di Windows o nella Barra delle Applicazioni (vedi sotto), un singolo click sull’icona di un programma aprirà tale programma.
  • Doppio click – Per fare doppio click, cliccare due volte rapidamente (a meno di un secondo di distanza) senza muovere il puntatore del mouse. Alcune persone hanno bisogno di pratica per riuscirci! Se fai doppio click su un’icona sul Desktop (vedi sotto) il programma o il documento rappresentato da questa icona verrà eseguito. (Nota la potenziale confusione – puoi fare doppio click per aprire l’icona di un programma sul Desktop ma il fare un singolo click sulla stessa icona nel Menu Start o nella Barra delle Applicazioni. Si, è confusionario! Se hai dubbi, clicca una volta. Se non succede ciò che ti aspetti, prova a fare doppio click.)
  • Click col tasto destro – Molte persone non hanno scoperto il click col tasto destro, ma è uno strumento molto potente che useremo moltissimo nella 2° parte di questo laboratorio. Punta il tuo mouse in una parte vuota del Desktop del tuo computer. Clicca col tasto destro del mouse. Apparirà un menu, con una varietà di comandi che potresti voler eseguire da qui. Questo menu a tendina (o ‘contestuale’) sarà differente a seconda di dove stai puntato quando premi il tasto destro. Punta sul Cestino sul Desktop e premi il tasto destro; nota le opzioni differenti specifiche per il Cestino. Ergo, il menu ‘contestuale’. Il menu cambia con il contesto. Gli utenti Mac non hanno un tasto destro del mouse (o del trackpad) ma possono ottenere lo stesso risultato tenendo premuto il tasto Control sulla tastiera quando cliccano. Uno dei miei trucchi segreti – quando non sei sicuro di come fare qualcosa, prova a cliccare col tasto destro. Controlla che quello che ti serve non sia in questo menu a tendina.

Per fare un esempio, farò un click, un doppio click, e un click col tasto desto sull’icona del Cestino sul Desktop di un computer con Windows 7. Ecco quello che vedremo:

  • Un solo click sull’icona del Cestino seleziona (o ‘evidenzia’) questa icona – nota come appaia un rettangolo attorno e abbia un box grigio rispetto all’icona appena sotto (chiamata ‘My Pictures’).
    Selezionarla indica che può succederle qualcosa – possiamo trascinarla nel Desktop o in un’altra cartella. Se aspettiamo qualche secondo e clicchiamo di nuovo su di essa, possiamo cambiare il nome – non necessariamente consigliato.
  • A volte, un singolo click aprirà un file o una cartella; solitamente, anche se serve un doppio click – cliccare due volte in rapida successione senza una pausa fra i due click. Click-click – esattamente come lo leggi.
  • Ogni volta che un’istruzione dice ‘clicca’ significa un singolo click con il tasto sinistro del mouse.

  • Un doppio click sul Cestino ‘lo apre’. Il significato di questo dipende da che tipo di file rappresenta l’icona – il doppio clic sull’icona di un programma (o applicazione) farà partire il programma senza caricare alcun documento. Cliccare sull’icona di un documento o di un file multimediale caricherà quel file nel programma che stai usando sul tuo computer per modificare quel tipo di file – per esempio, fare doppio clic su un file salvato da Microsoft Word aprirà Microsoft Word e caricherà il documento al suo interno.

Fare doppio clic sull’icona di una cartella aprirà tale cartella, facendoti vedere il contenuto. Il Cestino è una cartella speciale – fare doppio click su di essa aprirà la cartella e mostrerà i file che hai cancellato – in questo caso, un file.

  • Nota che se hai cliccato due volte più lentamente avrai l’opzione di rinominare il file o la cartella. Alcune persone hanno problemi a cliccare due volte abbastanza velocemente!

 

  • Fare doppio click sul Cestino farà apparire un menu, definito a comparsa o menu contestuale. È una lista di operazioni che possono essere eseguite specifiche all’oggetto su cui è stato fatto il click col tasto destro. Molti oggetti possono avere menu contestuali che includono ‘apri’, ‘crea scorciatoia’ e ‘rinomina’. Solo il menu contestuale del Cestino avrà l’opzione ‘Svuota Cestino’. (L’opzione ‘Proprietà’ dà maggiori informazioni sull’oggetto su cui è stato fatto click col tasto destro).
  • Gli utenti Mac non hanno il tasto destro del mouse o del trackpad nella maggior parte dei casi – possono vedere il menu contestuale tenendo premuto il tasto Control sulla loro tastiera e cliccando il loro unico tasto – Control-Click.
  • Puoi anche fare click col tasto destro su una parte vuota del tuo Desktop Windows o Mac e far apparire un menu contestuale di operazioni per il Desktop – creare una nuova cartella sul Desktop, per esempio, o cambiare l’immagine del Desktop (lo ‘sfondo’).

Useremo tantissimo il click del tasto destro!

Alcune parole standard: Abbiamo già usato alcuni termini standard del computer. Abbiamo fatto riferimento alle finestre su schermo e al sistema operativo – il software di base che definisce come tutte le classi di computer devono mostrarsi e funzionare: Microsoft Windows, Mac OS Apple su laptop e desktop. Android e iOS su smartphone e tablet. I software comunemente chiamati ‘applicazioni’, ‘programmi’, o ‘app’ (tre sinonimi) sono la vasta gamma di programmi che vengono eseguiti su questi sistemi operativi, facendoci lavorare, giocare, o facendo fare operazioni in background al computer. Alcuni programmi sono già sul tuo computer (o telefono o tablet) all’acquisto, puoi scegliere di aggiungerne altri. Browser web (Firefox, Chrome, ecc.) elaboratori di testi (Microsoft Word), programmi per email, giochi per computer, programmi di utilità come antivirus: tutti questi sono esempi di programmi.

Altri termini da sapere:

Il Desktop – ciò che vedi sullo schermo dietro qualsiasi finestra di programma aperta o che riempie lo schermo se non è aperta nessuna finestra è il Desktop del computer. Potrebbe mostrare un’immagine di sfondo – un’immagine proveniente dai produttori di Microsoft Windows o Mac OS o del tuo computer. Puoi cambiare lo sfondo con un’immagine a tua scelta – scegliendo fra una lista integrata nel computer o una lista delle tue foto o altro.

Sul Desktop ci possono essere (oppure non essere) alcune o molte icone – piccole immagini che rappresentano qualcosa. In generale, fare doppio click su un’icona farà succedere qualcosa – se è un’icona che rappresenta un programma, il programma verrà eseguito. Se è un’icona che rappresenta un documento – un’immagine, un file musicale, un file testuale (ecc.) – quel documento verrà caricato sul programma adatto per visualizzarlo (ed eventualmente modificarlo).

Potresti avere una o più icone standard che sono caratteristiche del sistema operativo. Gli utenti Windows possono avere un icona per il Cestino – un luogo dove riporre le cose che si vogliono rimuovere dal computer. Se trascini un’icona da un posto come il Desktop e la rilasci nel Cestino, sarà rimossa dal Desktop. Tuttavia, non sarà in realtà rimossa dal computer. Puoi fare doppio click sul Cestino per aprirlo, mostrando i suoi contenuti in una finestra. Puoi trascinare fuori i file da questa finestra su un’altra destinazione, come il Desktop.

Per rimuovere i contenuti dal Cestino – liberando spazio dal disco fisso del tuo computer – clicca col tasto destro sul Cestino, e scegli l’opzione Svuota Cestino dal menu a comparsa.

In generale, sono un fan dei Desktop puliti, con poche icone. È una posizione utile per oggetti cono cui stai lavorando in questo momento. Ma è facile che altre cose si accumulino sul Desktop, rendendo difficile trovare qualcosa. Nella Parte 2 di questo laboratorio, troveremo delle destinazioni dove sistemare le cose.

Lungo la parte bassa dello schermo (nella maggior parte dei casi), c’è una fila di icone. Sui computer Windows, questa viene chiamata Barra delle Applicazioni e si estende per tutta la lunghezza dello schermo. Sui Mac, una funzione simile copre la porzione centrale della parte bassa dello schermo, e si chiama Dock. In entrambi i casi, includono icone che possono essere usate per far partire i programmi più utilizzati insieme ad icone di programmi che sono in esecuzione.

 

(Nota – la Barra delle Applicazioni di Windows e il Dock Mac possono essere entrambi spostati ai lati anziché stare in basso. Ed entrambi possono essere impostati per essere ‘nascosti automaticamente’, in modo che siano visibili solo se il mouse viene puntato dove dovrebbero essere.)

Nell’angolo sinistro della Barra delle Applicazioni di Windows, troverai il Menu Start – cliccaci sopra per vedere la lista di tutti i programmi installati, un modo per far partire programmi che non hanno un’icona sulla Barra delle Applicazioni o sul Desktop. (I Mac non hanno una caratteristica simile). Sulla parte destra della Barra delle Applicazioni Windows, c’è un gruppo di piccole per una varietà di funzioni: Wi-Fi, batteria, data/ora, e altro. Gli utenti Mac troveranno icone simili nella parte superiore destra del proprio schermo, sulla Barra dei Menu Mac.

Dai un’occhiata al Desktop di Windows 10 (sinistra) e al Desktop di Mac (destra):

 

 

 

 

 

Tipi di programmi –

Ogni volta che lavori col tuo computer, stai eseguendo un programma (chiamato anche applicazione o ‘app’). Un programma è un pezzo di software che è stato scritto per ottenere un input dall’utente (tu!) e fornirlo al computer in modo che il computer possa mostrare ciò che vuoi sullo schermo. Fai attenzione ai nomi dei programmi che utilizzi di frequente – se hai problemi questa è una delle prime cose che ti verrà richiesta. Alcuni programmi possono essere già installati sul tuo computer all’acquisto; alcuni sono insieme a Microsoft Windows (o Mac OS Apple), altri sono aggiunti dal produttore (che tu voglia o no!). Puoi scegliere di aggiungerne altri – e ‘disinstallare’ programmi che sono attualmente installati sul tuo computer. Alcune categorie di programmi – e alcuni esempi di questi tipi di programmi:

  • Browser Web – programmi che sono usati per ‘navigare’ su siti web (da Facebook a CBC News, da Youtube a Google: Google Chrome, Mozilla Firefox (Windows 10) o Microsoft Internet Explorer (versioni precedenti di Windows), Apple Safari (su Mac) e altri
  • Programmi Email Microsoft Outlook (parte di Microsoft Office), Windows Mail (incluso con Windows 10) o Live Mail (con Windows 7) o Outlook Express (con Windows XP), Apple Mail (su Mac), Mozilla Thunderbird e molti altri. Nota che molti utenti possono accedere a Gmail, Yahoo Mail, o altri sistemi “webmail” usando un browser web
  • Programmi di elaborazione di testi Microsoft Word (parte di Microsoft Office), Word Perfect, OpenOffice o LibreOffice
  • Software antivirus – ci sono un sacco di opzioni, alcune gratuite, alcune a pagamento: Norton Antivirus, McAfee, Avast, AVG, Windows Defender (incluso in Windows 10)
  • Giochi (opzioni illimitate!)
  • Programmi utili – una varietà di programmi per svolgere diverse azioni su computer: backup, pulizia, ecc.

 

Dà un’occhiata ad alcune finestre di programma –

Tutti questi programmi funzionano in maniera simile; sentiti a tuo agio con un e ti troverai in parte a tuo agio con un altro. Tutti vengono eseguiti in finestre – che occupano parte dello schermo o sono ‘a schermo intero’ (dette anche ‘massimizzate’). In ogni caso, la parte superiore della finestra di programma viene chiamate Barra del Titolo – era solita mostrare il nome del programma in versioni precedenti di Windows. I tasti riduci a icona/ingrandisci/chiudi sono nell’angolo destro della Barra del Titolo (su Windows; nell’angolo sinistro su Mac). Se una finestra di programma non è massimizzata, puoi muoverla sullo schermo trascinando la Barra del Titolo.

Sotto la Barra del Titolo, i browser web e alcuni altri programmi possono essere mostrati –permettendoti di avere più di un sito web o documento o ciò che ti serve aperti contemporaneamente – passando da un sito all’altro (ecc.) cliccando sulla scheda che vuoi visualizzare. (Nota che molti programmi non usano schede). A seconda del programma, sotto questa potresti vedere una Barra degli Indirizzi (su browser web, per esempio) insieme ad una barra degli strumenti con le icone per azioni compiute comunemente – molti programmi avranno un’opzione che ti lascerà aggiungere o rimuovere icone per farti decidere cosa vedere.

Ci potrebbe essere una Barra dei Menu con i nomi dei gruppi di funzioni comunemente usate per i programmi. Un Menu File includerà opzioni come Apri, Salva, Stampa. Un Menu Modifica includerà opzioni come Taglia, Copia, e Incolla. (Vedremo queste funzioni in dettaglio nella 2° Parte di questo laboratorio). In ogni caso, clicca sul nome di un menu e la lista di opzioni di questo menu verranno visualizzate.  Clicca sul nome di un opzione per eseguire tale opzione. Clicca da un’altra parte o premi il tasto Esc (Esci) per chiudere il menu. Ogni finestra di programma avrà la propria barra dei menu individuale (o potrebbero anche non averne!) I programmi Mac hanno la barra dei menu nella parte superiore dello schermo. I menu e le opzioni cambieranno a seconda del programma attivo (in primo piano) in qualsiasi momento. Se un oggetto di un menu viene ‘reso grigio’ significa che in questo momento non è disponibile… Spesso, il comando Modifica/Copia o Incolla sarà grigio, per esempio (vedi sotto).

Di recente molti programmi hanno rimosso i menu. Le versioni recenti dei browser web – Google Chrome, Mozilla Firefox, Microsoft Edge – usano un icona sul lato destro della barra degli strumenti (su Chrome, per esempio, sono 3 puntini verticali). Clicca sull’icona e verrà mostrato un singolo menu. Molti programmi Microsoft – fra cui le recenti applicazioni di Microsoft Office (Word, Excel, PowerPoint e Outlook) e alcune funzioni integrate di Windows 10 come il File Explorer e Paint – hanno rimpiazzato i menu con ciò che Microsoft chiama ‘Ribbon’ – un’ampia scelta di icone per varie opzioni. Come per i menu, clicca su un nome (come File o Visualizza). Anziché apparire un menu di testo, le icone del ribbon cambieranno per mostrarti un gruppo di strumenti differente.

Ecco la Barra del Titolo e il Ribbon del Computer del File Explorer di Windows 10:

Se clicchi la parola Visualizza (View), il Ribbon cambia per indicare diversi modi in cui visualizzare i file e le cartelle in questo programma:

(Parleremo in dettaglio del File Explorer di Windows nella 2° Parte di questo laboratorio)

Box di dialogo –

Quando clicchi su un’opzione da un menu o su un icona del ribbon, a volte succede qualcosa immediatamente. Quando clicchi sull’icona Icone Grandi nel Ribbon Visualizza (sopra) vedrai immediatamente i file nella finestra sotto (non nell’immagine) mostrati in icone grandi, per esempio.

Se clicchi su Apri in un menu File, tuttavia, il computer avrà bisogno di maggiori informazioni – ha bisogno di sapere che file vuoi aprire. In maniera simile, se inizi a scrivere su un documento nel tuo elaboratore di testi e poi clicchi su Salva (su un menu File o su un ribbon, a seconda dell’elaboratore di testi che stai usando) il computer vorrà sapere come vuoi chiamare il tuo documento e in che destinazione del disco fisso del computer vuoi salvarlo. (Ogni volta che vedi un opzione con tre puntini accanto in un menu significa che devi aspettarti un box di dialogo)

Quando un computer ha bisogno di informazioni per eseguire un comando, mostra un box di dialogo – una richiesta di maggiori informazioni. Tipicamente, inserisci delle informazioni o clicchi su una fra diverse scelte. Quando hai finito, ci potrebbe essere un tasto con la scritta OK (o Salva o Apri a seconda del box di dialogo). Cliccalo, e il computer eseguirà la tua richiesta.

Ecco un box di dialogo per Stampa di un Mac – l’equivalente di Windows sarà simile – ha bisogno di sapere quale stampante voglio usare, quante copie voglio fare, quali pagine stampare, ecc:

 

Il box di dialogo File Apri sarà simile su tutti i tuoi programmi – in maniera simile, ogni tuo programma userà i box di dialogo File/Salva simili, box di dialogo File/Stampa simili, ecc… prendi confidenza con i box di dialogo di un programma e saprai usare i box di dialogo di altri programmi.

Nota: quando un box di dialogo è aperto e aspetta un input, generalmente non puoi fare nient’altro nella finestra di quel programma. Se hai aperto un box di dialogo per errore, clicca il tasto Cancella o premi il tasto Esc.

Gli Appunti – Taglia/Copia/Incolla

Il computer ti lascia prendere documenti di testo, immagini, e molto altro da un punto di una finestra di programma e metterlo in un altro posto – nella stessa finestra di programma o addirittura in un’altra finestra di programma. Puoi fare questo immediatamente o più tardi (con alcune limitazioni). Ci riferiamo a questa funzione con una metafora: Gli Appunti, suggerendo che è simile a prendere un pezzo di carta, metterlo in una cartellina fisica, e tenerlo da parte per un uso futuro.

(Non c’è nessuna ‘cartellina’ fisica dentro al tuo computer, tuttavia – questa è solo una metafora per aiutare le persone a sentirsi più a proprio agio usando il computer).

Questo può essere molto utile – dopo aver scritto un documento usando un elaboratore di testi, potresti voler modificarlo, e spostare una frase o un paragrafo in un altro posto. Potresti voler recuperare il nome o l’indirizzo da una lettera, e copiarlo in una nuova lettera senza dover riscriverlo (e possibilmente sbagliare). Potresti voler prendere un’immagine da una pagina web e usarla come parte di un email che stai mandando a qualcuno.

Per fare ciò, ci sono alcuni passi da seguire:

  • ‘selezionare’ il testo o l’immagine a cui sei interessato. Questo dice al computer che hai in mente di tagliare o copiare (o modificare in altro modo – per esempio, renderlo in grassetto, corsivo o sottolinearlo).
  • Decidere se vuoi ‘tagliare’ o ‘copiare’ il testo o l’immagine: se tagli, rimuovi l’oggetto dalla sua posizione originale. Se copi, stai creando un duplicato
  • Vai alla posizione desiderata e ‘incolla’ il testo o l’immagine

C’è più di un modo per eseguire ognuna di queste operazioni. Per esempio, per selezionare il testo, puoi cliccare col mouse all’inizio del testo, tenere premuto il tasto del mouse (sinistro) e trascinare il puntatore sopra il testo che vuoi selezionare. Rilascia il tasto del mouse alla fine. Il testo selezionato dovrebbe essere evidenziato con un colore acceso.

In alternativa, clicca all’inizio del testo, tieni premuto il tasto shift e clicca alla fine – verrà selezionato il testo compreso fra il tuo primo click e il secondo click con shift.

In molti programmi di elaborazione di testi, fare doppio click su una parola la seleziona, e fare triplo click su una riga seleziona tale riga.

Spesso, cliccare su un immagine seleziona tale immagine. Nota che ci potrebbe essere un menu di comandi (nel menu Modifica o su un ribbon) per Selezionare Tutto – che seleziona l’intero documento – tutto il testo, tutte le immagini.

Fa attenzione quando vengono selezionati testi o immagini – se premi la barra spaziatrice (o un altro tasto) mentre qualcosa è selezionato in un programma di elaborazione di testi, per esempio, la tua selezione potrebbe essere rimpiazzata da ciò che hai appena digitato. Oops! Se dovesse succedere, cerca immediatamente l’opzione Annulla. Non salvare il file!

Quando hai selezionato il tuo testo o immagine desiderati, scegli se vuoi tagliarlo o copiarlo. (Potresti non avere scelta – non puoi rimuovere testi o immagini da un sito web pubblicato online, per esempio… ma puoi copiarlo per usarlo in un elaboratore di testi o in un email o su un post su Facebook).

Come già detto, ci sono vari modi per tagliare o copiare-  cerca un menu di comandi (nel menu Modifica) o un ribbon. Clicca Taglia o Copia per farlo – senza box di dialogo. Se scegli taglia, vedrai la tua selezione scomparire, ma se scegli Copia, non cambierà nulla. Gli Appunti del computer sono invisibili.

In alternativa, se hai selezionato qualcosa, premendo il tasto Control insieme alla lettera C copierà la selezione negli appunti (Command + C su Mac), mentre Control + X (Command + X su Mac) taglierà la selezione, rimuovendola e conservandola negli appunti.

Infine – e questo è il modo che ti consiglio di imparare – se fai click col tasto destro sul testo o sull’immagine selezionati, comparirà un menu – con Taglia e Copia fra le opzioni. Clicca col tasto sinistro sulla tua scelta.

Similmente all’ultimo passaggio-vai alla destinazione desiderata, che sia nello stesso documento, un documento differente che usa lo stesso programma, o anche un documento un programma completamente diverso e incolla. Clicca nel punto desiderato… con qualcosa tagliato o copiato negli appunti, vedrai un comando Incolla nel menu Modifica o ribbon. O premi Control+V (Command+V su Mac). O clicca col tasto destro del mouse e poi clicca (col tasto sinistro) su Incolla dal menu a comparsa.

(A proposito – Control+Z o Command+Z sono le scorciatoie da tastiera per Annulla (rispettivamente per Windows e Mac).

Non devi per forza incollare immediatamente dopo aver tagliato o copiato – gli appunti conserveranno la tua selezione in attesa del tuo comando. Tuttavia, tieni a mente due cose:

  • Gli appunti possono conservare una selezione alla volta. Se tagli o copi qualcos’altro, la selezione negli appunti verrà sostituita
  • Se spegni il computer, il contenuto degli appunti verrà cancellato.

Prossimamente nella 2° Parte: lavorare con file, cartelle e periferiche. Prendere familiarità con queste basi del computer ti aiuterà a tenere il tuo spazio di lavoro digitale pulito e organizzato, creando un modo di conservare i tuoi documenti, foto, e altro che rifletta il modo in cui vivi e lavori. Questo ti aiuterà a salvare i file in modo da trovarli nuovamente quando vorrai. Da qui, puoi copiare più facilmente foto e altri file dalla tua fotocamera o telefono sul computer, dal tuo computer ad una periferica flash, e altro.

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *