Il Giusto Tipo di Fiducia

Source- The Right Kind of Confidence

Wes Chapman

Prima Convocazione Annuale 2010

 

 

Cerco di immaginare come vi sentite là fuori, in questo primo giorno di campus, e immagino molte cose differenti. Alcuni di voi – la maggior parte, spero – saranno entusiasti e speranzosi riguardo alle nuove opportunità e nuove occasioni di libertà che vi aspettano. Alcuni di voi saranno un po’ ansiosi, chiedendovi se riuscirete ad adattarvi, o se sarete in grado di superare l’anno a pieni voti. Alcuni di voi potrebbero già essere un po’ nostalgici, ripensando ad amici e familiari lasciati indietro; o un po’ distratti, chiedendovi se avrete la possibilità di rincontrare quella bella ragazza che avete visto al campus poco prima; o un po’ stanchi dopo un giorno di viaggi e traslochi. Quelli che vengono da piccoli paesi potrebbero sentirsi un po’ sopraffatti da tutto il rumore e dalla folla, mentre quelli che vengono dalle città potrebbero sentirsi costretti, chiedendosi come faranno a sopravvivere ora che non siete più a un viaggio in treno da tutto ciò che potreste volere. A tutti voi voglio soltanto dire: “abbiate fiducia.” Abbiate fiducia; andrà tutto bene. Ma cercate di avere il giusto tipo di fiducia, fiducia genuina anziché falsa fiducia.

Cosa intendo con falsa fiducia? Semplice, significa credere che siate bravi in qualcosa senza avere una buona regione per pensarlo. Tutti noi lo facciamo in certa misura. C’è un nome per una di queste forme, “l’effetto Lago Woebegon”, nome che deriva dallo show alla radio di Garrison Keillor nel quale “ogni bambino è sopra la media.” A quanto pare la maggior parte di noi tende a pensare che siamo tutti sopra la media. Uno studio ha mostrato, per esempio, che l’88% degli studenti dei college Americani pensano di essere migliori della media degli autisti. Uno studio ancora più interessante ha dimostrato che la gente che era in ospedale in guarigione per un incidente automobilistico causato da loro pensavano di essere migliori dell’autista medio. Risultati simili sono stati mostrati in studenti delle scuole superiori che pensano di essere più popolari della media, i CEO che pensano di essere migliori dei leader comuni, agenti di polizia, analisti del mercato azionario, e così via. Il 95% dei professori del college pensano di essere migliori del professore medio. Personalmente, penso di essere vicino alla media… rispetto al pensare di essere sopra o sotto la media.

Questo tipo di confidenza non è sempre qualcosa di negativo. Quando devi fare qualcosa sotto pressione – che sia recitare, fare sport, un esame, o durante una conversazione con qualcuno che vuoi che diventi tuo amico – la fiducia è cruciale, e la falsa fiducia è meglio di niente. Quando si è nel momento e devi far accadere qualcosa, preferiresti credere in te stesso anche se sei terribile, perché sé non lo fai andrai malissimo anche se sei abbastanza bravo.

Ma ci sono alcuni lati negativi di questa falsa fiducia. Il primo è che rende la gente meno attenta di quanto dovrebbe essere. Gli autisti che pensano di essere sopra la media rischiano in maniera stupida, come guidare mentre usano il cellulare o bevendo una bevanda. Questa è una cattiva idea anche se si è migliori della media, migliori nello scrivere messaggi sul cellulari, e migliori nel bere bevande. La versione in classe di questo fenomeno prende forma spesso nel pensare “Posso iniziare a scrivere il mio saggio la notte prima della consegna”, o “Non dovrò studiare per il compito, dato che ho ascoltato in classe” e così via.

Uno svantaggio più serio è quello in cui la falsa fiducia solitamente non tiene testa al test dell’esperienza, e si trasforma velocemente in dubbio autodistruttivo. È facile per gli studenti che non studiano e poi falliscono miseramente agli esami pensare “oh, non sono bravo in queste cose.” Ovviamente è possibile che questo sia vero, ma nessuno lo sa davvero finché non dà il proprio meglio, possibilmente più di una volta. Ancora peggio, la falsa fiducia confutata dal test dell’esperienza può capovolgere il pensiero degli studenti che non sono bravi in nulla, che un brutto voto su un esame o compito sia marchio di qualche tipo di difetto personale inerente. Mi rifiuto di credere che chiunque di voi non sia o non possa essere bravo in qualcosa. E anche se potreste benissimo avere un difetto di carattere – io stesso ne ho molto – un compito o un esame non è ciò che ve lo indicherà; non è per questo che sono fatti i compiti o gli esami.

Negativo allo stesso modo è il caso in cui la falsa fiducia incontra i fatti e rifiuta di adattarsi, scendendo in una spirale di falsa convinzione, come per esempio quando uno studente che fallisce un esame dice qualcosa del tipo “non piaccio al professore.” Di nuovo, è possibile che sia vero – magari sei una persona estremamente fastidiosa – ma non è la spiegazione più probabile. Aggrapparsi alla falsa fiducia in questo modo è pericoloso perché impedisce alla gente di imparare dal esperienza –  che poi gli impedisce di diventare davvero bravi in qualcosa in cui potrebbero avere davvero talento.

Allora a quale tipo di fiducia dovresti aspirare? Fiducia genuina, il giusto tipo di fiducia, consiste nel sapere esattamente quanto sei bravo perché ci hai provato, perché ti sei spinto fino ai tuoi limiti. Il miglior tipo di fiducia viene dall’essere andato oltre i propri limiti, e aver accettato la sfida di lavorare su qualcosa che è migliore di qualsiasi cosa tu abbia mai fatto. Questo è il tipo di fiducia che tende ad andare oltre alla sola area in cui lavori; è il tipo che ti fa pensare in modo diverso alla tua persona.

Ironicamente, questo tipo di fiducia spesso deriva dall’umiltà. L’umiltà non è lo stesso di dubbio di sé; quelli che dubitano di sé stessi dicono “non sono bravo”, mentre quelli che sono umili dicono “non so se sono bravo, ma posso provare”. Spesso, i migliori in un campo sono i più umili; sanno talmente tante cose da sapere anche cosa non sanno. Ma il loro “non lo so” gli spinge a non dubitare di sé stessi ma a imparare di più.

Mi sto concentrando sulla fiducia non solo perché penso che sia importante per il vostro successo al college, ma perché in molti modi importanti, la fiducia è precisamente ciò che dovete sviluppare al college. Le cose cambiano – voi cambiate. Quindi non potete sapere cosa vi aspetta. Ho tenuto una sessione di discussione lo scorso semestre in qui gli studenti che si sono laureati sono tornate a raccontare agli studenti attuali come fosse la vita dopo la laurea. Solo uno dei cinque studenti stava facendo ciò che si era immaginata di fare durante il college. Non so se queste proporzioni siano tipiche, ma credo fortemente che la loro esperienza sarà quella di molti di voi. Molti di voi, forse la maggior parte, lavoreranno in campi che non si sarebbero mai aspettati, probabilmente relativi a cose a cui siete interessati ora ma magari correlati in modi strani e inaspettati. Alcuni di voi inizieranno nel campo scelto al college, ma cambieranno campo a metà carriera. Alcuni di voi lavoreranno in un campo che non è ancora stato inventato – questo è il caso di uno degli studenti nella discussione. E alcuni di voi ora stanno pensando di lavorare in campi che non esisteranno più quando avrete la mia età. Non sono esattamente sicuro che il professore di inglese – il mio campo – non sia uno di quelli.

Allora cosa ci fai qui, se non puoi essere sicuro che quello per qui ti stai preparando sia quello che farai davvero? Beh, per alcuni di voi il percorso per cui vi state preparando, o preparerete quando vi starete laureando, è il percorso che seguirete, e che lo sia o no, dovete inseguire il vostro sogno. Ma siete anche qui per sviluppare fiducia, un tipo di fiducia molto particolare. Tutti e i cinque gli studenti nella discussione pensavano che la loro istruzione all’IWU fosse stata essenziale nel permettere loro di fare ciò che fanno ora. C’erano un sacco di cose che avevano imparato a fare qui che identificavano come cruciali: scrivere, parlare, lavorare in gruppo, analizzare, vedere il quadro generale, imparare ad imparare, leadership, e così via. Alla base di tutto ciò, vorrei dire, c’è la fiducia: il tipo di conoscenza su cui sono stati testati, che hanno avuto in situazioni prima in cui non pensavano di essere capaci, e che dunque possono cogliere qualsiasi nuova sfida gli si presenti.

Un modo di guardare il college, e specialmente un college impegnativo come il Illinois Wesleyan, è vederlo come un posto dove sarete testati, dove sarete portati oltre ciò che pensavate fosse il vostro limite, ma dove è sicuro fallire su un compito particolare. Nel posto di lavoro, rischiare non è conveniente e potrebbe costarti il lavoro. Sul campo di battaglia, e in altre occupazioni ad alto rischio, potrebbe costarti la vita. In una classe, tuttavia, puoi provare qualcosa e se non funziona, puoi ottenere un brutto voto. E dunque? Dopo la laurea, il tuo GPA probabilmente conterà per circa 15 minuti. Ora, solitamente sono 15 minuti importanti, quindi non sto dicendo di non prestare attenzione ai voti – ma se sei una di quelle persone che si mette sempre in gioco, il tuo registro totale sarà abbastanza buono… molto meglio, in tutta probabilità, di essere uno di quelle persone che non prendono mai rischi intellettuali.

L’argomento che vi ho mostrato, dunque, ha importanti implicazioni per ciò che dovreste fare mentre siete al college. Se la vostra laurea è stata solo una credenziale, un pezzo di carta che certifica che hai fatto qualche sforzo ad un certo livello di competenza, allora sarebbe intelligente frequentare solo qualche classe che è sicura e facile. Se la tua laurea fosse solo un addestramento professionale in un campo, allora sarebbe intelligente frequentare solo quelle classi che sono concentrate sul tale campo. Ma nessuna delle due è vera. Un’istruzione da college è molto più che una credenziale, e non puoi essere sicuro di cosa ti stai davvero addestrando. Quindi la cosa intelligente da fare ciò che a lungo termine svilupperanno la vostra fiducia nel fare tutto ciò che volete. Esplorate il più possibile. Frequentate classi interessanti, anche se non hanno nulla a che fare con il percorso di carriera che avete scelto. Scegliete corsi difficili, quelli con materie che vi faranno pensare e con professori che hanno la reputazione di essere severi. Studiate tanto, se potete. Cercate tirocini. Fatevi coinvolgere in cose al di fuori della classe di vostro interesse e mettetevi alla prova, che sia o no “rilevante” al vostro campo: scrivete per l’Argus, candidatevi per il Senato Studentesco, unitevi a un gruppo intramurale, fate un audizione per un gruppo, unitevi a un club politico, fate lavoro di volontariato – fate ciò che è adatto alle vostre abilità e interessi. E siate aperti a tutte le conversazioni assurde e profonde che si verificano al college nelle ore libere con i tuoi amici.

Se riuscirete a fare tutto questo, se vi metterete alla prova in qualsiasi modo possibile, non solo renderete la vostra esperienza all’Illinois Wesleyan più ricca, vi preparerete anche per il futuro nonostante tutti i cambiamenti che vi aspettano. E potete farlo – abbiate fiducia. Io ho fiducia in voi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *